mastropiero

HO RICORDI D’INFANZIA

In Uncategorized on 11 febbraio 2011 at 21:29


Canetti Paolo – raccolta di limoni

Ho i ricordi d’infanzia, ho i ricordi,
immagini di luce e di palmizi,
e in un fulgore d’oro
di campanili, lungi, con cicogne,
di paesi con strade senza donne
sotto un indaco cielo, piazze vuote
dove crescono aranci luminosi
coi loro frutti rotondi e vermigli;
nell’ombra di un giardino c’è il limone
coi rami polverosi,
e limoni d’un giallo impallidito
nello specchio dell’acqua della fonte;
aroma di garofani e di nardi,
forte odore di menta e di basilico;
immagini d’ulivi inargentati
a un sole ardente che stordisce e acceca,
e turchine e remote cime alpestri
con rosse tinte d’una sera immensa.

Antonio Machado, Poesie, Accademia

Questa poesia è stata semplicemente letta, commentata e ha fornito lo spunto per un disegno. Ognuno però doveva scegliere uno o più versi da scrivere sul disegno. Alla fine, dopo avere affisso tutti i disegni, ho raccolto i versi scelti in un’unica riscrittura con lo scopo di mostrare i gusti dei bambini.
Nell’insieme però si ha l’effetto di amplificare e stravolgere l’equilibrio formale della poesia con ribattute dei singoli versi o di gruppi di versi. Un modo per riflettere sulla possibile autonomia che possiamo attribuire ai versi in un testo poetico.

Ho i ricordi d’infanzia, ho i ricordi,
immagini di luce e di palmizi,
e in un fulgore d’oro
di campanili, lungi, con cicogne,

Ho i ricordi d’infanzia, ho i ricordi,
immagini di luce e di palmizi,
e in un fulgore d’oro
di campanili, lungi, con cicogne,

Ho i ricordi d’infanzia, ho i ricordi,
immagini di luce e di palmizi,

sotto un indaco cielo, piazze vuote
dove crescono aranci luminosi
coi loro frutti rotondi e vermigli;
nell’ombra di un giardino c’è il limone
coi rami polverosi,

sotto un indaco cielo, piazze vuote
dove crescono aranci luminosi

sotto un indaco cielo, piazze vuote
dove crescono aranci luminosi
coi loro frutti rotondi e vermigli;
nell’ombra di un giardino c’è il limone
coi rami polverosi,

nell’ombra di un giardino c’è il limone
coi rami polverosi,
e limoni d’un giallo impallidito
nello specchio dell’acqua della fonte;

nell’ombra di un giardino c’è il limone
coi rami polverosi,
e limoni d’un giallo impallidito
nello specchio dell’acqua della fonte;

limoni d’un giallo impallidito
nello specchio dell’acqua della fonte;

nell’ombra di un giardino c’è il limone
coi rami polverosi,
e limoni d’un giallo impallidito
nello specchio dell’acqua della fonte;

nell’ombra di un giardino c’è il limone
coi rami polverosi,
e limoni d’un giallo impallidito
nello specchio dell’acqua della fonte;

turchine e remote cime alpestri
con rosse tinte d’una sera immensa.

turchine e remote cime alpestri
con rosse tinte d’una sera immensa.

con rosse tinte d’una sera immensa.

Annunci
  1. parafrasi di questa poesia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: